a

Alter Ego
Your personal fitness club

Nel centro di Como, in una location esclusiva, Alter Ego propone un sistema di allenamento integrato che combina il Pilates praticato con i Reformer e il Functional Training.

Vieni a conoscerci

Il Welcome Pack comprende

  • 1 consulenza professionale di circa un’ora con un nostro personal trainer per valutare la tua situazione posturale e nutrizionale
  • 1 analisi della tua composizione corporea
  • 2 sedute di prova di allenamento funzionale e/o Pilates con i Reformer
 

Magazine

Alter Ego > Functional training  > Senti il tuo MOVIMENTO, non copiarlo

Senti il tuo MOVIMENTO, non copiarlo

La corretta percezione della posizione in cui ci troviamo ( anche ad occhi chiusi ) migliora la nostra capacità di reazione agli stimoli esterni che tendono a modificare la nostra posizione nello spazio.

Ma come riesce, il nostro corpo, a mantenersi in equilibrio ed in una posizione eretta?

La nostra struttura anatomica si compone di centri, vie nervose e di strutture come, ad esempio, i muscoli che rispondono alle sollecitazioni che provengono dal sistema nervoso determinando uno scambio continuo di messaggi tra l’ambiente esterno e quello interno.
Questo particolare sistema genera una sensibilità che si chiama PROPRIOCETTIVITA’.

E’ infatti proprio grazie alla capacità propriocettiva che il nostro organismo matura la percezione di sé in rapporto al mondo esterno. Pertanto non sono solo l’udito, il tatto e la vista ad informarci su come ci posizioniamo nella realtà ma anche questa particolare sensibilità che permette di avvertire il movimento di una gamba oppure di un braccio anche quando gli occhi non sono aperti e consente al corpo di muoversi nel modo migliore.

Ogni volta che ci si troviamo in una situazione di disequilibrio, il nostro sistema reagisce proponendo una immediata risposta ai sensori che lo avvertono della instabilità. Si attivano subito degli automatismi che “ri-collocano” il corpo nello spazio.

Non si tratta di risposte volontarie ma automatismi inconsapevoli: esiste, infatti, un “software” già impostato che l’organismo applica senza sforzo.

Dovremmo cercare di imparare, chiudendo gli occhi, a percepire gli stimoli che ci arrivano dall’ambiente esterno, diventandone consapevoli.

Dovremmo imparare a “sentire” la parte del corpo che si muove e avvertirne il peso, il calore e la sua posizione nello spazio.

L’auto-percezione aiuta a prendere coscienza di tutti i cambiamenti, anche i più piccoli, che avvengono nel corpo.

Allenarsi con costanza cercando di far emergere la nostra propriocettività è il viatico migliore per colloquiare con il nostro corpo ed acquisire sempre di più la consapevolezza di sé.